Il ritorno di Mary Poppins

Film 2018 | Musical, Sentimentale Film per tutti 130 min.

Titolo originaleMary Poppins Returns
Anno2018
GenereMusical, Sentimentale
ProduzioneUSA
Durata130 minuti
Regia diRob Marshall
AttoriEmily Blunt, Lin-Manuel Miranda, Ben Whishaw, Emily Mortimer, Julie Walters Dick Van Dyke, Angela Lansbury, Colin Firth, Meryl Streep, Christian Dixon, Pixie Davies, Jeremy Swift, Kobna Holdbrook-Smith.
Uscitagiovedì 20 dicembre 2018
DistribuzioneWalt Disney
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 2,84 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Rob Marshall. Un film con Emily Blunt, Lin-Manuel Miranda, Ben Whishaw, Emily Mortimer, Julie Walters. Cast completo Titolo originale: Mary Poppins Returns. Genere Musical, Sentimentale - USA, 2018, durata 130 minuti. Uscita cinema giovedì 20 dicembre 2018 distribuito da Walt Disney. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 2,84 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il ritorno di Mary Poppins tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Mary Poppins torna per aiutare la nuova generazione della famiglia Banks a ritrovare la gioia di vivere e il senso della meraviglia. Il film ha ottenuto 4 candidature a Golden Globes,

Consigliato sì!
2,84/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,67
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Più remake che sequel, il film di Marshall dialoga con l'originale e cerca l'attenzione di un pubblico nuovo.
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 14 dicembre 2018
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 14 dicembre 2018

Londra, negli anni della crisi economica tra le due guerre. Nella casa della famiglia Banks ora vive Michael, adulto, e vedovo da un anno, con tre figli a cui badare: John, Annabel e Georgie. Per loro, ha rinunciato alla passione per la pittura ed è entrato in banca, come suo padre prima di lui. Ma ora la stessa banca, inclemente, reclama la casa, i soldi per riscattarla non ci sono e Michael non sa a chi votarsi. Il tempo è maturo perché Mary Poppins cali dal cielo aggrappata al suo ombrello e torni ad occuparsi dei piccoli e dei grandi Banks, in viale dei Ciliegi numero diciassette.

Presentato come un sequel, perché si svolge cronologicamente dopo i fatti del 1906, Il ritorno di Mary Poppins è in realtà un remake e come tale va considerato per essere apprezzato al meglio.

Ci si potrà poi schierare tra chi non ritrova in esso la magia del primo, chi non ne apprezza l'estetica un po' manierata ed enfatica (Marshall è il regista di Chicago e si vede), o chi invece guarda con compiacimento all'operazione di modernizzazione, che in termini cinematografici significa anche appartenenza ad un gruppo di film, da Paddington a Tata Matilda, con cui condivide interpreti, personaggi e ambienti, e che si distinguono per il gusto visivo e l'inventiva sopra la media.

Si potrà, infine, esaurire il confronto con l'originale constatando che il film di Stevenson era "supercalifragilistichespiralidoso" e questo nuovo capitolo è "una stupendosa idea", con tutta la distanza semantica che passa tra l'uno e l'altro termine, ma non si potrà non riconoscere a Il ritorno di Mary Poppins la qualità dell'adattamento e la capacità di inghiottirci in un gioco lungo due ore e dieci, proprio come la vasca da bagno inghiotte tata e bambini per renderli protagonisti della prima fantasia sottomarina.

È il gioco, appunto, del remake, a ritrovare il già noto e a misurare la novità: ecco allora gli acciarini al posto degli spazzacamini, la sindacalista per la suffragetta, il vento che cambia e la porta che si apre, il piccolo Georgie com'era Michael, la grande Jane (Emily Mortimer) così simile nell'espressione a Karen Dotrice, la cugina Topsy e lo zio Albert, la signora dei palloncini e quella dei piccioni. E nuove canzoni al posto delle vecchie, nuova retorica ad aggiornare la precedente, e in sottofondo il ritorno di un tema musicale che fu e di un personaggio praticamente perfetto sotto ogni aspetto, anche quello di Emily Blunt, fedele nello spirito e coraggiosa nell'impossibile sfida.

"Chissà dove potrà portarmi" si domanda il film sul finale. La risposta è che farà bene ad accontentarsi di affascinare i bambini di oggi, senza troppo ambire a cambiare le cose a ritroso. Certe volte, spostare indietro le lancette non basta.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Il remake della storia di formazione più potente di sempre.
Overview di Pino Farinotti
lunedì 13 marzo 2017

Dato: è sempre il momento di Walt Disney, da quasi un secolo. A Londra si sta organizzando la produzione di Mary Poppins Returns, il remake del film del 1965. Una breve retrospettiva è indispensabile. Primo assunto: siamo tutti figli di Walt Disney. La genialità e la forza delle sue invenzioni hanno profondamente inciso sul carattere, sulla formazione sentimentale e culturale, e anche estetica di molte generazioni. I modelli erano sempre positivi e benemeriti, rassicuranti e utili. Occorrerebbe una Treccani per un'analisi, mi limito ai vertici, tutti ben presenti nella nostra memoria. Qualche nome e un titolo esemplari: il saggio e positivo Topolino, il simpatico Paperino e poi tutti quegli animali che trasmettevano, con efficacia, i sentimenti umani.

Un titolo eroico: Biancaneve e i sette nani, che nel 1937 soccorse un Paese, l'America e di riflesso il mondo, nel momento della grande depressione.

Cucciolo e compagni scavano diamanti, già tagliati e grossi come mele. Li chiudono in una baracca e appendono la chiave fuori dalla porta. E vivono in tutta modestia. Strepitose metafore dunque: è più importante essere che avere, e poi quella chiave che rappresenta la riserva, la fiducia che tutto si risolverà e il benessere che è lì dietro l'angolo chiuso in una baracca.

Non esiste una storia di formazione più potente
E tutto un lungo, fantasmagorico, "unico" percorso, per arrivare a Mary Poppins, portatrice di significati ancora più generali e profondi. Mi espongo: non credo esista una storia di formazione più potente di questa. Per cominciare vale l'happening reiterato del film, anno dopo anno, Natale dopo Natale. E se per caso salta quella ricorrenza se ne sente la mancanza. E non credo proprio che ci sia un solo genitore contrario alle indicazioni di quel racconto. Opera di formazione: Mary è istitutrice perfetta, ai bambini - Jane e Micheal nel film e a tutti quelli che il film lo vedono- insegna divertendo; c'è il padre severo che a poco a poco si piega alle regole di Poppins; c'è il lampionaio spazzacamino fantasioso e magico; la madre (quasi) femminista. Non manca un'indicazione sul denaro, che può anche mancare ma... poi si rimedia. E poi le canzoni, diventate, quasi tutte, dei classici.

La musica e il cast
Titoli come "Supercalifragilistichespiralodoso", "Cam Caminì", "Un poco di zucchero", "Com'è bello passeggiar con Mary", fanno parte della memoria popolare ed eterna del cinema. Il remake vede alla regia Rob Marshall, Emily Blunt nel ruolo di Mary che fu di Julie Andrews e Lin-Manuel Miranda in quello dello spazzacamino Dick Van Dyke che comunque sarà presente, oggi novantenne, anche nel remake. Da rilevare, nel cast, presenze come Meryl Streep, Colin Firth e Angela Lansbury, coetanea di Van Dyke. La vicenda fa un salto temporale di una ventina d'anni, siamo verso la fine degli Anni Venti, in piena recessione economica. I bambini sono diventati grandi. La famiglia si trova in brutte acque. È davvero il momento, per Mary, di tornare a sistemare le cose.

Il burrascoso rapporto tra Walt Disney e la scrittrice Pamela Travers Lyndon
La piattaforma del sequel non sarà il classico del 1964. Gli autori hanno studiato gli altri romanzi di Pamela Travers Lyndon, l'autrice, che erano una sorta di serial alla Harry Potter. Per il film la Disney aveva acquisito i diritti, e acquisirli non fu davvero semplice. Per raccontare la sua fatica per convincere la Travers c'è voluto addirittura un film, Saving Mr. Banks, con Tom Hanks nella parte di Disney e Emma Thompson in quella della scrittrice. Anche questo è un segnale della portata di quel titolo, non sono molti i film che raccontano la storia di un film, con modalità diverse. Ricordo Via col vento, Roma città aperta, La regina d'Africa, Un uomo tranquillo, Psyco, 8 e 1/2. Roba mitologica. La scrittrice australiana, abituata ad altra cultura e ad altri scenari, fuggì frastornata da Disneyland che considerava "un baraccone per far soldi". Era autrice durissima, di cultura vittoriana, refrattaria ad ogni compromesso. E intendeva difendere a oltranza l'identità della sua opera. Era particolarmente irritata da come la sceneggiatura avesse stravolto i caratteri della Poppins, che nel romanzo è una tata vittoriana, dura e severa, certo lontana dall'allegria e dall'appeal della Mary del film. Disney la blandì in tutti i modi, la rincorse in Australia, le propose un contratto d'oro. Il cineasta era uomo convincente, riuscì, a poco a poco, a farle capire il cinema e le sue regole. Prima della firma del contratto, la coinvolse nella fase artistica, le musiche, i testi, certo lontani dai codici letterari. Alla fine ce la fece. Pamela cedette rendendosi conto che la "qualità" era diversa, ma sempre di qualità, alta, da cinema, si trattava. Da quel 1964 visse consapevole che il suo nome era legato a Walt Disney, e un po' le seccava, ma non molto. Morì nel 1996, a 97 anni. Lasciando un patrimonio.

Un nome che certo va fatto è quello di Marc Shaiman, compositore, erede di Irwin Kostal che scrisse le musiche nel 1964.
Ribadisco, è sempre il momento di Disney, artista dall'enorme inventiva e dalle infinite responsabilità. Certo vale un dato: Disney non c'è più da oltre mezzo secolo e la "Disney" ha continuato nel suo percorso con un passo travolgente, evolvendo tecniche e contenuti secondo le epoche. Moltiplicando produzioni e denaro. Ho scorso la lista degli Oscar vinti dalla "Disney", sono 26 (record), cominciano nel 1932 e finiscono nel 1956. Solo uno, del 1969, non è di Walt, morto nel '66. È un segnale...interessante.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
Frasi
Come la prima volta sono venuta a occuparmi dei piccoli Banks!
Una frase di Mary Poppins (Emily Blunt)
dal film Il ritorno di Mary Poppins - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 17 dicembre 2018
Giulia Bianconi
Il Tempo

Tutto è possibile, persino l'impossibile. Anche "Il ritorno di Mary Poppins". A distanza di oltre mezzo secolo dal grande classico cinematografico di Robert Stevenson con protagonista Julie Andrews, ecco riapparire in viale dei Ciliegi 17 a Londra (e sul grande schermo) la tata più amata di tutti i tempi nata dalla penna di Pamela Lyndon Travers. Elegante e rigorosa, ma anche dolce e sensibile, "praticament [...] Vai alla recensione »

domenica 16 dicembre 2018
Massimo Giraldi
Roma Sette

Mary Poppins esce nelle sale nel 1964. Colpisce subito la proposta di una storia concepita a metà tra attori in carne e ossa e cartoni animati, che interagiscono tra loro e diventano parte viva della vicenda. Negli anni, il film si è imposto con crescente attenzione e successo, fino a diventare un vero e proprio classico della cinematografia, seguito e amato da generazioni successive di piccoli e adulti [...] Vai alla recensione »

sabato 15 dicembre 2018
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Mary Poppins, anzi, Il ritorno di Mary Poppins è un film esemplare per dire della nostalgia. Oggi la nostalgia non richiede più un passato abituale soggiorno, se di un luogo, una passata intima frequentazione, se di una persona, un passato pieno possesso, se di una cosa: condizioni necessarie e sufficienti sono la lontananza e, quando la saudade ha rilevanza sociale, la celebrità di luogo, persona, [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 19 settembre 2018
 

La storia si basa sulla vita della famiglia Banks vent'anni dopo l'originale del 1964, in una Londra nell'era della depressione post 1929. Dopo una grave perdita Mary Poppins fa ritorno nella vita della famiglia Banks e, grazie anche all'aiuto del lampionaio [...]

TRAILER
lunedì 17 settembre 2018
 

La storia si basa sulla vita della famiglia Banks vent'anni dopo l'originale del 1964, in una Londra nell'era della depressione post 1929. Dopo una grave perdita Mary Poppins fa ritorno nella vita della famiglia Banks e, grazie anche all'aiuto del lampionaio [...]

NEWS
lunedì 25 giugno 2018
Francesca Ferri

Remake, reboot o sequel, quel che conta è rinnovare i classici. Il riciclo è l'arte di Hollywood che negli ultimi anni, più che mai, preferisce tornare alle vecchie certezze. I cult così rinascono a nuova vita.

Lin-Manuel Miranda nella parte di Jack
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati