Ride

Film 2018 | Drammatico +13 95 min.

Regia di Valerio Mastandrea. Un film con Chiara Martegiani, Arturo Marchetti, Renato Carpentieri, Stefano Dionisi, Milena Vukotic. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2018, durata 95 minuti. Uscita cinema giovedì 29 novembre 2018 distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 16 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,77 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ride tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una donna perde il marito in un incidente sul lavoro. Manca un giorno al funerale e deve fare i conti con se stessa e il dolore che la sta travolgendo. In Italia al Box Office Ride ha incassato 145 mila euro .

Consigliato sì!
2,77/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,60
PUBBLICO 3,20
CONSIGLIATO SÌ
Una toccante cronaca della vita dopo: buona l'idea ma manca la giusta distanza tra attore ed autore.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 27 novembre 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 27 novembre 2018

Carolina è vedova da una settimana e non riesce a piangere. Seduta sul divano, assorta in cucina, in piedi alla finestra, scava alla ricerca delle lacrime che tutti si aspettano da lei. Anche Bruno, il figlio di pochi anni che sul terrazzo di casa 'mette in scena' i funerali del genitore. Nessuno, nemmeno il padre e il fratello di Mario Secondari, giovane operaio morto in fabbrica, sembra riuscire a fare i conti col lutto. Tra un occhio nero e una nuvola carica di pioggia, Carolina farà i conti con l'assenza.

Ride, debutto alla regia di Valerio Mastandrea, è la cronaca della vita dopo.

Dedicato a chi resta, confronta melanconicamente una giovane donna con la perdita della sua giovinezza e del suo amore, la prepara a vivere veramente, a fare della morte che arriva improvvisa l'incessante condizione della sua sopravvivenza.

Quello della protagonista non è però un lutto 'convenzionale', è un lutto bloccato, complicato. Perché come ogni altra esperienza emotiva, anche quella del lutto è soggettiva. Quieta, pratica ed efficientissima, Carolina attende tra il divano e il tavolo della cucina che le emozioni si facciano vive, che le lacrime arrivino copiose. Ma niente. La perdita del consorte, che sconvolge, scompagina e dissesta il modo di vedere il mondo, non si trasforma in lavoro. Il lavoro del lutto, la reazione adeguata all'esperienza della perdita. Al suo sentimento di doglio intimo fa eco quello sociale.

Caduto in fabbrica, Mario Secondari è l'assenza che permette a Mastandrea di aprire una finestra collettiva su un dramma privato. A incarnarli insieme è il saldo Renato Carpentieri, padre in ambasce davanti all'inaccettabile morte del figlio. Ride tocca di sponda la tragedia di (una) classe (che non c'è più) e il conflitto generazionale, meglio, il reciproco sospetto delle generazioni da cui nascono le ferite che padre (Renato Carpentieri) e figlio (Stefano Dionisi) non riescono a risanare.

Valerio Mastandrea non trova però la maniera coerente di fare dialogare due assi narrativi che hanno in fondo la stessa ossessione: la morte al lavoro, la terribile e dolorosa precarietà di tutte le imprese umane. Nei movimenti a latere, il film incontra turbolenze improvvise e perde quota (la sequenza 'di piombo' della pistola), indeciso sulla rotta da seguire per guarire il trauma della perdita. Trauma che una moglie nega con una reazione anestetica, un figlio esorcizza volgendolo in recita e un padre elabora 'confiscando' il corpo (del reato) allo Stato. Confisca che disattiva deliberatamente l'aspetto politico e l'abiezione morale delle morti sul lavoro, diluendo di nuovo il film nel percorso elusivo e fantastico delle traiettorie intime.

Ritornando sulle proprie premesse, Mastandrea offre la libertà ai personaggi di piangere. Di piangere meglio, di piangere finalmente sotto l'ombrello e una nuvola che scuote corpi pieni di lacrime. Recitare per Valerio Mastandrea significa da sempre 'mettersi in scena', con Ride ribadisce l'attitudine all'autofiction e fa un passo di lato. Non è più lui a incarnare la naturale laconicità esistenziale ma un alter ego femminile, che ha il volto e la semplicità limpida di Chiara Martegiani.

Virtuoso dell'understatement sulla scena, l'attore non trova nella direzione la stessa misura e quella sottrazione di peso, su cui come Calvino ha sempre avuto "più cose da dire". Film di un attore sul mestiere dell'attore (la performance mimetica di Carolina che prova a riprodurre l'afflizione della ex del marito), Ride svolge in maniera singolare l'implacabile dialettica del dolore e disegna con altrettanta inusualità l'implosione interiore della sua protagonista. Tuttavia la voce del regista finisce per occupare lo spazio vuoto del suo spirito dolente e ingombrare un film dove ogni attore è proiezione dell'autore. A mancare è forse la giusta distanza, quella che ripara i personaggi e lascia andare gli attori.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 2 dicembre 2018
Alex2044

Che peccato . Le buone intezioni ci sono tutte e le idee brillanti non mancano accoppiate a intuizioni anche interessanti .  Ma come per un soufflè non basta usare gli ingredienti giusti per farlo lievitare così questo film viaggia piatto per tutta la sua durata . Persino gli attori , alcuni di comprovata professionalità , danno l'impressione di recitare con il freno a [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 dicembre 2018
Flyanto

 L’attore italiano Valerio Mastandrea passa dall’altra parte della cinepresa dirigendo il suo primo film, intitolato “Ride”, in questi giorni nelle sale cinematografiche Nella pellicola viene rappresentata l’elaborazione del lutto da parte di una giovane donna che è rimasta vedova anzitempo del proprio marito morto in seguito ad un incidente sul lavoro.

venerdì 7 dicembre 2018
Flyanto

 L’attore italiano Valerio Mastandrea passa dall’altra parte della cinepresa dirigendo il suo primo film, intitolato “Ride”, in questi giorni nelle sale cinematografiche Nella pellicola viene rappresentata l’elaborazione del lutto da parte di una giovane donna che è rimasta vedova anzitempo del proprio marito morto in seguito ad un incidente sul lavoro.

lunedì 3 dicembre 2018
Maurizio.Meres

Il bravissimo Mastandrea al suo esordio cinematografico come regista affronta un tema delicatissimo e soprattutto difficile da sentire se non esserci passati,la morte sul lavoro di un giovane operaio,la giovane moglie confusa da tutto ciò che il mondo l'aspetta,un figlio che non si rende ancora conto del dramma,e soprattutto la famiglia dell'operaio,un padre assente nei sentimenti una [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 novembre 2018
AnnaC

Difficile recensire un film come questo: Mastandrea tocca con delicatezza un tema che di delicato non ha nulla. La morte improvvisa e sul lavoro di un giovane marito e papà, uno strappo alla vita con in più un senso di ingiustizia esistenziale, politico, cosmico gigante. Chiara Martegiani cammina su questo filo che è la sua fragilità, che non è dramma, che non è tristezza, che non è indifferenza.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 29 novembre 2018
Luigi Abiusi
Il Manifesto

C'è nella figura di Mastandrea come un alone, un'eco che lo trasfigura in qualcos'altro da un corpo: qualcosa come un'atmosfera, proprio un campo semantico che viene direttamente da quel Tutti giù per terra che lo consacrò attore dotato di magnetismo, al centro di un immaginario incarnatosi da lì in poi nelle sue espressioni, nelle movenze, tutto un recitare che scandisce un'urbanità randagia, periferica, [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 dicembre 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Cronaca di un lutto impossibile. Il titolo segna il paradosso: bloccata, incredula, in attesa del funerale il mattino dopo, Carolina non riesce a piangere la perdita del marito in un incidente sul lavoro. Il figlio undicenne gioca con un amico alla diretta tv. Il nonno, ex operaio nella stessa fabbrica, si ritrova con gli anziani sconfitti dal tempo e dall'ingiustizia.

lunedì 3 dicembre 2018
Anton Giulio Mancino
La Gazzetta del Mezzogiorno

Che Valerio Mastandrea dovesse esordire nel lungometraggio come regista era nell'aria da anni. Oltre ad aver probabilmente collaborato alla regia dell'ultimo capolavoro del compianto Claudio Calligari, Non essere cattivo, Mastandrea ha già diretto tra gli altri anche due bei video musicali per il suo cantautore e amico Riccardo Sinigallia (Solo per te e Ciao cuore), che firma anche la colonna sonora [...] Vai alla recensione »

sabato 1 dicembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Cento per cento Valerio Mastandrea. Nel bene e nel male. Il bene è abbastanza, più che in tanti film italiani; potrebbe stracciare tutta la concorrenza, posizionandosi da film indipendente americano, se la sceneggiatura avesse tolto di mezzo il superfluo concentrandosi sulle cose che incantano lo spettatore. Il male purtroppo azzoppa un film che non parla né di precari né di architetti -gran passo [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 novembre 2018
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Non piange mai la semisconosciuta Chiara Martegiani, protagonista del film dell'esordiente regista Valerio Mastandrea. Poveretta, non riesce a sfogare il dolore per la morte sul lavoro del compagno, l'operaio Mauro, che Elia lasciata sola con un bambino di dieci anni. In compenso piange lo spettatore, davanti a un dramma pretenzioso e noiosissimo. Dove quel poco che succede è incomprensibile.

NEWS
VIDEO RECENSIONE
martedì 4 dicembre 2018
A cura della redazione

Carolina è vedova da una settimana e non riesce a piangere. Seduta sul divano, in piedi alla finestra, scava alla ricerca delle lacrime che tutti si aspettano da lei. Tra un occhio nero e una nuvola carica di pioggia, Carolina farà i conti con l'assenza.Debutt [...]

VIDEO
mercoledì 21 novembre 2018
 

Una domenica di maggio, a casa di Carolina si contano le ore. Il lunedì successivo bisognerà aderire pubblicamente alla commozione collettiva che ha travolto una piccola comunità sul mare, a pochi chilometri dalla capitale.

TRAILER
giovedì 8 novembre 2018
 

Una domenica di Maggio, a casa di Carolina si contano le ore. Ne mancano solo 24 al giorno in cui bisognerà aderire pubblicamente alla commozione collettiva che ha travolto una piccola comunità sul mare, a pochi chilometri dalla capitale.

POSTER
giovedì 25 ottobre 2018
 

Una domenica di maggio, a casa di Carolina si contano le ore. Il lunedì successivo bisognerà aderire pubblicamente alla commozione collettiva che ha travolto una piccola comunità sul mare, a pochi chilometri dalla capitale.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati