Touch me Not

Film 2018 | Drammatico +13 125 min.

Titolo originaleNu ma atinge-ma
Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneRomania, Germania, Repubblica ceca, Bulgaria, Francia
Durata125 minuti
Regia diAdina Pintilie
AttoriLaura Benson, Tómas Lemarquis, Dirk Lange (II), Hermann Mueller, Christian Bayerlein Irmena Chichikova, Fdaeji, Rainer Steffen, Seani Love, Georgi Naldzhiev.
Uscitagiovedì 14 febbraio 2019
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Adina Pintilie. Un film con Laura Benson, Tómas Lemarquis, Dirk Lange (II), Hermann Mueller, Christian Bayerlein. Cast completo Titolo originale: Nu ma atinge-ma. Genere Drammatico - Romania, Germania, Repubblica ceca, Bulgaria, Francia, 2018, durata 125 minuti. Uscita cinema giovedì 14 febbraio 2019 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Touch me Not tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il viaggio emotivo nella vita di tre persone alla ricerca dell'intimità. Il film ha ottenuto 1 candidatura agli European Film Awards,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
Critica
Cinema
Trailer
Una (auto)riflessione sulla natura umana e i rapporti intimi.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 23 febbraio 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 23 febbraio 2018

Laura non può sopportare di essere toccata. Prova anche con un giovane che si prostituisce ma non riesce a superare il suo problema. Christian soffre di una disabilità grave e parla con grande sincerità dei propri desideri in campo sessuale e dell'amore per la sua compagna. I due partecipano a un workshop in cui sono presenti persone di varia età e a cui é presente anche Tudor che appare molto vulnerabile ma accetterà di condividere le proprie sensazioni.

Adina Pintilie ha condotto questa approfondita ricerca con una motivazione del tutto condivisibile: "Touch Me Not vuole diventare uno spazio per un'(auto)riflessione e trasformazione in cui chi guarda viene spinto ad approfondire la propria conoscenza della natura umana".

"Il film - ha continuato la regista - vuole anche valutare in modo diverso le esperienze e le idee a proposito dei rapporti intimi con un focus particolare sulla de-oggettivizzazione e personalizzazione dello scambio umano, stimolando la nostra curiosità sul diverso'Altro' e la nostra empatetica capacità di metterci nella pelle Altrui".

I soggetti che ha avuto a disposizione si presentavano sulla carta come interessanti per sviluppare i propositi di cui sopra. È quindi ancora maggiore la delusione nel vedere come sono stati portati sullo schermo. La decisione di mostrare esplicitamente la presenza della camera e della stessa regista si trasforma, da dichiarazione di intenti e di trasparenza operativa, in un boomerang. Perché quando uno dei soggetti dichiara all'altro con timore di volersi mostrare nudo al suo sguardo sappiamo che di intimo in quella scena non c'è nulla, la sospensione dell'incredulità è già stata abbondantemente annullata e non ci rimane neppure il dubbio di una candid camera.

Il mix tra realtà e messa in scena che attraversa tutto questo lungometraggio potrebbe anche risultare accettabile se la noia non divenisse progressivamente l'elemento pervasivo delle oltre due ore di narrazione. Touch Me Not avrebbe potuto essere un film che infrangeva tabù precostituiti, suggerendo una riflessione sulla corrente definizione di perversione, mostrando come per alcuni possa avere altre valenze che, quando non coinvolgono minori o adulti non consenzienti, possono sviluppare una funzione che potremmo definire terapeutica e liberatoria. La schematicità didascalica e la programmaticità esibita della sceneggiatura finiscono invece purtroppo con il mettere tra parentesi gli accenti di sincerità che peraltro non mancano, in particolare nelle testimonianze di Christian.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
NEWS
GALLERY
sabato 24 febbraio 2018
 

La 68ª edizione della Berlinale si chiude con la vittoria di Touch Me Not della regista rumena Adina Pintilie, toccante (auto)riflessione sulla natura umana e i rapporti intimi. Tra i film premiati anche le opere di Wes Anderson, L'Isola dei cani [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati